eventi

Salone del libro 2017 – persone incontrate

Il bello del Salone del Libro non sono soltanto gli stand degli editori ma soprattutto gli incontri, moltissimi, che riempiono la 5 giorni di Torino.


Il social reading e la creazione di comunità nella scuola
alcuni ragionamenti interessanti con Pierluigi Vaccaneo (a destra) che parla di Betwyll (una app di social reading) e con Germano Pasini (centro) che fa un bel parallelo.

Nel medioevo, dice, gli studiosi giravano per le biblioteche. Quei libri manoscritti erano il medium del loro network, della loro community. Ognuno scriveva le glosse su quei libri, commentando quel testo. Lo studioso che arrivava dopo, anche anni, trovava i libri e le glosse degli altri. La stampa ha poi liberato e diffuso i libri ma ne ha limitato la possibilità di essere mezzo perché il libro stampato era chiuso, finito, finito di stampare il…
Adesso il digitale può riuscire nelle due cose. Ci riesce? Diffonde democraticità ma anche rende possibile condividere e fare discutere e fare da collante su cui costruire community.


La jihad delle donne. Il femminismo islamico nel mondo occidentale.

All’incontro presenti Luciana Capretti (che presentava il suo libro) e anche Farian Sabahi che ha detto cose molto interessanti. Ne parlo qui.


Il cambiamento climatico e l’impensabile – lezione magistrale di Amitav Ghosh

autore del libro “La grande cecità” (Neri Pozza). Interessante, serafico e catastrofico.


Vivere digital detox

Alessio Carciofi (che presenta di “vivere digital detox”, Hoepli) presenta il libro con Anna Masera


Un insetto nel piatto – piccola guida al cibo del futuro

Giulia Maffei presenta il suo libro (scritto con Giulia Tacchini per Red!) dedicato agli insetti in cucina. Molto interessante. Sono anche circolati insetti commestibili e pacchetti di patatine di bacarozzo che son già reperibili nei supermercati belgi e presto anche svizzeri.

Del resto anche romani e greci mangiavano insetti, gli allevamenti sono molto poco invasivi, il carico proteico e di carboidrati è ottimo. C’è anche la b12 :).

Ce ne sono di saporiti e di dolci (come la Camula del miele). La lavorazione passa da un abbattimento e poi la bollitura. Dopo è fatta.

 

 

 

 

 


Alla ricerca di prove di vita nello spazio infinito

Marco Malvaldi e Jim Al-Khalili presentazione il libro curato da quest’ultimo “Alieni” (Bollati Boringhieri).

Interessante (ho anche preso il libro). Il concetto di base è che è molto probabile che altri pianeti oltre la terra possano ospitare forme di vita. Ma che tipo di vita? Non sarà certo, dice Al-Khalili, una forma di vita simile alla nostra.

Anche sulla terra ci sono una molteplicità di forme di vita diverse e intelligenti (es il polpo). Cosa ci fa credere che la vita su altri pianeti sarà simile all’uomo?

Poi, chiosa, visto che noi stessi stiamo sviluppando forme di intelligente artificiale, chi lo dice che gli incontri ravvicinati che un giorno faremo, non sarà con delle macchine?


Marco Travaglio e Piercamillo Davigo dicono le stesse cose che dicono in televisione. Ma dal vivo sono più entusiasmanti.

Tags